• Sony Xperia Z5

Sony Xperia Z5: recensione

Fotocamera e multimedia

Aprendo il sito ufficiale di Sony per Xperia Z5 lo slogan principale è: “Il nostro smartphone con fotocamera migliore, scatta fotografie mozzafiato”.

Tutto questo è lecito se guardando le specifiche tecniche vediamo un sensore da 23 MPX che dovrebbe garantirci foto ottime e possibilità di zoom e ritagli dell’immagine eccellenti.

La massima risoluzione si ottiene, purtroppo in 4:3 motivo per cui noi abbiamo scattato sempre alla risoluzione di 20 MPX, la massima con ratio di  16:9.

Noi abbiamo provato ad approfondire pesantemente il comportamento di questa fotocamera, sia provando a fare scatti volutamente buoni, sia utilizzando il “punta e scatta” come farebbero 9/10 delle persone.

Partiamo dal software: la velocità di apertura della fotocamera è stranamente non al vertice e necessita di qualche secondo ogni volta per l’apertura il che è piuttosto insolito. Il software prevede più modalità d’uso dove le due più importanti sono:

  • Modalità automatica: riconosce la scena che stiamo per immortalare automaticamente, rilevando se si tratta di un controluce, una macro e via discorrendo, noi però l’abbiamo trovata molto imprecisa nel cogliere la corretta situazione. A differenza dei precedenti modelli qui possiamo scattare alla massima risoluzione con questa modalità, senza doverci per forza ridurre a 8 MPX.
  • Modalità manuale: non permette così tante regolazioni come in altri Smartphone, ma vi permette di settare impostazioni cui non avreste accesso normalmente, come ad esempio l’HDR.

La velocità di scatto si mantiene costante e non veloce in tutte le condizioni, sia HDR che scatto normale senza evidenziare particolari rallentamenti nemmeno in notturna.

Il flash a led singolo non è molto potente e potrà aiutare solo in macro noturne, già a 1 metro la sua luce è quasi invisibile.

Ngli scatti di giorno otteniamo risultati non sempre validi, alcune volte capita di fare ottimi scatti, ma tante volte capiterà di dover fare 3, 4 foto alla stessa scena per ottenerne una valida. Le debolezze principali sono nella gestione della messa a fuoco: non proprio al vertice per gli scatti macro dove risulta macchinosa o imprecisa, mentre negli scatti con soggetti distanti alcune volte viene mancato il punto di fuoco producendo foto leggermente sfocate.

Le foto che vengono con i settaggi giusti sono molto belle, ma in situazioni di punta e scatta, purtroppo vi capiterà di non rimanere sempre soddisfatti.

La modalità HDR è relegata ai settaggi manuali ma il suo “improvement” negli scatti si vede poco e abbiamo visto, in questo senso, software più concreti.

Tutt’altra cosa invece, i video: di giorno, ottimi, con una stabilizzazione eccellente dell’immagine sia ottica che digitale e la possibilità di riprendere fino a 60 fps. Lo zoom ha una elaborazione dell’immagine che produce un effetto molto “pixelato” della ripresa.

Di notte le foto sono sufficienti, ma emerge quanto evidenziato sopra: spesso è difficile ottenere uno scatto a fuoco unitamente al fatto che il sensore fa molta fatica a catturare la luce, producendo molto rumore video.  Vengono poi stranamente prodotti delle macchie o aloni viola che enfatizzano certe angolazioni di luce che il sensore gestisce con fatica (ciò accade anche in alcuni controsole di giorno, si vedano i video ripresi di giorno).

I video di notte producono molto tremolio nell’immagine, ma la stabilizzazione rimane ottima e il risultato può comunque essere considerato discreto.

Come avrete capito è difficile dare un giudizio a tutto tondo su questo aspetto del dispositivo, perchè i risultati non sono lineari. Noi abbiamo provato a trasmettervi le nostre esperienze quotidiane.

Vi lasciamo alla galleria foto per farvi qualche idea.

Qui sotto i video a 30 e 60 fps ripresi in Full HD 1080p.

Share This Post

About Author: Andrea Toffolo

Nato a Pordenone nel 1991, città in cui vivo attualmente. ho sempre avuto la passione per la tecnologia: già a tre anni mi facevo spiegare il funzionamento degli impianti a fune che visitavo nelle vacanze: tutt'ora è un argomento che seguo con piacere. Negli ultimi 5 anni sono entrato nel vortice della tecnologia mobile e sono nell'occhio del ciclone, impossibilitato ad uscirne, sembra. Adoro tendenzialmente tutto ciò che è tecnologia, il confronto e i commenti costruttivi. Sono a vostra disposizione, quindi commentate e chiedete tutto quello che volete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *