• Sony SRS-X11 profili (1)

Sony SRS-X11: recensione

Oggi, in poche righe vediamo tutto quello che c’è da sapere su Sony SRS-X11 nella nostra recensione.

Come detto nell’unboxing abbiamo acquistato questo prodotto perché siamo nel periodo giusto per avere una cassa portatile da tenere con se per allietare i momenti di ritrovo tipici di questa stagione.

Siamo partiti da un modello di fascia bassa ma come detto proveremo a recensire altri modelli e anche altre marche, tra le più note.

Ma iniziamo.

 

IMPATTO ESTETICO

SRS-X11 di Sony è un prodotto sicuramente molto curato sia sotto l’aspetto estetico che in quello costruttivo: ogni elemento è assemblato con precisione senza scricchiolii o giochi di sorta che danno una sensazione di un prodotto di qualità fin dal primo contatto. Costruzione molto solida e design accattivante insieme all’ampia scelta disponibile per le colorazioni chiudono il cerchio su un prodotto che esteticamente ci piace molto.

SPECIFICHE TECNICHE

  • Potenza 10 W
  • Autonomia dichiarata: fino a 12 ore (varia molto a seconda della potenza erogata)
  • Peso: 215 g
  • Dimensioni: 6.5 mm per lato
  • NFC
  • Bluetooth 3.0
  • Microfono
  • Ingresso AUX

RECENSIONE

Il suono prodotto da questo dispositivo è qualitativamente buono sia in relazione al prezzo, che alla fascia di appartenenza. Se decidiamo di tenere un volume alto le soddisfazioni caleranno rapidamente e la qualità del suono diventerà di colpo appena sufficiente: questo perché per esempio i bassi si riducono per evitare distorsioni traducendo il suono in toni medi e perdendo di rotondità e pienezza.

I bassi sono prodotti da un sistema passivo come su tutti i prodotti di questa fascia e ovviamente non possono garantire una profondità e potenza come avviene sui sistemi attivi.

Per quanto riguarda la potenza dobbiamo ammettere che siamo rimasti impressionati, l’audio arriva abbastanza in alto come potenza per un oggetto così piccolo, i 10W si sentono tutti. Va da sé che per i motivi che vi abbiamo presentato sopra per non perdere troppo in qualità audio è meglio evitare di superare i 3/4 del volume.  Ovviamente l’autonomia risente della potenza cui utilizziamo il dispositivo, come per altro in tutti i prodotti di questa categoria: per questo motivo è sempre molto difficile fornirvi un’autonomia assoluta ma diciamo che sicuramente farete almeno 7, 8 ore senza particolari problemi.

Parlando di “features” aggiuntive di questo prodotto non possiamo non citare la possibilità di utilizzare due SRS-X11 per utilizzarli come altoparlanti stereo (2x10W): i led posti sotto il cubetto che indicano Left e Right si riferiscono proprio a questa specifica modalità di utilizzo.

La possibilità di utilizzare la cassa per le chiamate è veicolata da un microfono monodirezionale e dallo streaming audio sempre buono che ci permette di sentire molto bene le chiamate. Ovviamente è chiaro che dovremo parlare abbastanza vicini al SRS-X11 altrimenti dall’altra parte ci sentiranno lontano.

La connessione, oltre al classico metodo via cavo può essere comodamente effettuata tramite il Bluetooth (peccato che sia ancora la 3.0 che consuma di più) e il “pairing” oltre che semplicissimo può essere in due modi:

  • tramite lo standard NFC cioè avvicinando il telefono al cubo e ottenendo un auto associazione;
  • oppure tramite la classica ricerca e connessione Bluetooth tenendo prima premuto il tasto ON/OFF che è anche quello di attivazione della ricerca Bluetooth come indicato dalle scritte in bassorilievo.

CONCLUSIONI

Le valutazioni su prodotti di questo tipo devono assolutamente essere legati alla fascia di appartenenza e quindi limitarsi di più ad una valutazione sulla qualità prezzo. In senso assoluto siamo stati colpiti in positivo sia dell’assemblaggio che dalla cura estetica di questo prodotto.

Facile e semplice da usare per tutti i tipi di clientela dovrebbe dare soddisfazioni a chi cerca una cassa audio portatile migliore dei prodotti da 20,30 euro che troviamo ovunque. Sicuramente qui i 55 euro che spenderete sono il valore corretto che noi daremmo a questo oggetto: badate bene che il prezzo di listino imposto da Sony arriva a 80 euro (forse un po’ troppi) e per questo vi invitiamo caldamente a provvedere all’acquisto online.

Precisiamo per completezza che chi acquisterà questo oggetto sperando in un sostitutivo di una cassa vera con bassi pieni e audio alto abbastanza da fare un party con molte persone forse dovrebbe cercare prodotti più alti di specifiche, esattamente come chi cerca un audio ricco a tutti i volumi. In tutti gli usi dove ci serve un sottofondo gradevole che permetta di avere conversazione questo è un dispositivo da provare se il vostro budget è limitato.

Qui il link per acquisto su Amazon qualora foste interessati.

Share This Post

About Author: Andrea Toffolo

Nato a Pordenone nel 1991, città in cui vivo attualmente. ho sempre avuto la passione per la tecnologia: già a tre anni mi facevo spiegare il funzionamento degli impianti a fune che visitavo nelle vacanze: tutt'ora è un argomento che seguo con piacere. Negli ultimi 5 anni sono entrato nel vortice della tecnologia mobile e sono nell'occhio del ciclone, impossibilitato ad uscirne, sembra. Adoro tendenzialmente tutto ciò che è tecnologia, il confronto e i commenti costruttivi. Sono a vostra disposizione, quindi commentate e chiedete tutto quello che volete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *