Nuovo GPS in arrivo: addio privacy!

Leggendo un articolo su Repubblica (dove per un caso non parlano del Silvio nazionale) relativo al nuovo sistema di posizionamento globale scopro che è in arrivo un massiccio ammodernamento di tale sistema.

Dopo il lancio del più efficiente Galileo europeo, ora leggo che anche gli americani con il loro indispensabile GPS (e chi non lo usa oggigiorno) vogliono tornare sulla cresta dell’onda e hanno programmato di sostituire tutti gli attuali satelliti con modelli più performanti in grado di fornire una precisione di posizionamento a livello di singolo centimetro; precisione attualmente raggiungibile solamente attraverso postazioni terrestri di controllo e modifica del segnale.

La triangolazione possibile oggi ha precisioni che nell’ambito civile possono raggiungere il metro, più che sufficienti a mio giudizio per poterci guidare per le strade di tutti i giorni. La prossima variante, qualora ci dimenticassimo il GPS acceso potrà posizionarci con estrema accuratezza anche in caso di “visita” al bagno domestico.

Ultimamente il segnale GPS è acquisibile anche all’interno degli edifici. Figurarsi se il prossimo non sarà anche più invadente.

Ricordo che il segnale satellitare in questione è fondamentale per le applicazioni moderne: dalle banche alla consegna di pacchi nel mondo alla coordinazione all’interno degli ospedali. In caso di blackout di questo segnale infatti moltissime attività sarebbero bloccate poichè si svolgono anche grazie alla possibilità di sincronizzazione e controllo sfruttabile attraverso questa piattaforma di posizionamento globale.
Il problema è che la privacy attuale è seriamente minacciata da questa nuova ventata di tecnologia più sensibile e invasiva.

Auguri a tutti!

Share This Post

About Author: Archivio Storico

Questo profilo autore è stato creato per riassumere tutti i link, articoli, focus, demo ed approfondimenti pubblicati da Giuseppe Ragozzino e Luca Viscardi nella prima versione del sito web. Tale sito nacque con l'inizio di marzo 2010 e nel tempo ha totalizzato diversi milioni di visite fino ad arrivare alla soglia di 2.300.000 quando si è deciso che era ormai troppo piccolo per ospitare le numerosissime categorie usate. Ci andava stretto, davvero troppo, e così si è scelto di migrare da Joomla a Wordpress per rendere il tutto fruibile ad un pubblico ancora maggiore e sempre più curioso: per fare questo ci stiamo avvalendo di un gruppo formato da uno staff tutto nuovo, elementi freschi e preparati che daranno una mano ai fondatori nel tenervi aggiornati. Tutti gli articoli scritti quindi da Archivio Storico sono in fase di lenta revisione, sia perchè alcuni link tra articoli di questo sito sono da rifare, sia perchè vanno aggiornate gallerie fotografiche, recensioni e tipo di formattazione: se trovate qualcosa da segnalare, di errato e/o non funzionante, per favore fatecelo sapere contattando webmaster@formobiles.info con qualche info in merito. Grazie a tutti del supporto, seguiteci come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *