• Msi Cubi profili (9)

Msi Cubi mini PC: recensione

Oggi vediamo la recensione di un prodotto particolare, il mini PC Msi Cubi.

Non saremo molto lunghi o troppo tecnici su questa recensione perché un mini PC ha si tanti aspetti da vedere analizzare, ma alla fine gli utilizzi che gli calzano bene non sono troppi.

Cubi è un PC a tutti gli effetti, solo che è tutto compattato in una piccola scatolina “Cubi” appunto: all’interno troviamo tutto quello che serve, dal modulo Wifi alla Ram espandibile e via discorrendo.

La dotazione di porte è più che sufficiente con USB 3.0, HDMI, mini display port e entrata ethernet sul retro. Davanti sono presenti altre due porte USB 3.0 di cui una supporta la carica veloce.

Il Cubi supporta l’attacco Vesa sul posteriore e di serie viene dotato di un supporto per agganciarlo nel retro del monitor per fare un all in one.

Il nostro modello è equipaggiato con un processore Intel Core i3 5005U  che è un processore con consumi molto bassi e non dovrebbe mai superare i 30W di assorbimento. La Cpu è raffreddata da un piccolo dissipatore con ventolina che aiuta a mantenere davvero basse le temperature, anche a pieno carico come si evince sotto dai bench. Il rumore è sempre contenuto e la frequenza di rotazione della ventola non risulta fastidiosa.

Il processore ovviamente integra una scheda video integrata Intel che permette di eseguire operazioni basilari in termini di grafica: supporta le risoluzioni 4k ma non vi permetterà di fare nulla che abbia richieste significative.

Abbiamo all’interno 4 GB di Ram sul nostro modello (potete arrivare fino a 16) e un hard disk da 120 GB con buone velocità di lettura/scrittura e questo aiuta il Cubi ad essere reattivo e veloce nelle operazioni che influenzano il disco.

Vi lasciamo a una gallery panoramica dell’hardware interno e della relativa ingegnerizzazione.

Tutta la recensione ruoterà intorno a che destinazione d’uso decideremo di dare al Cubi. Ma per cosa ha senso usarlo veramente?

Secondo noi esistono 3 destinazioni d’uso per questo oggetto:

  1. PC da famiglia per uso Office, gestione file, navigazione Internet e riproduzione video.
  2. Media Center: quindi sempre collegato ad un televisore, gestito da un mouse e una tastiera Bluetooth
  3. In ambito di uffici per la gestione di servizi di base che non richiedono molta potenza di calcolo

Noi ci siamo focalizzati fin dall’inizio sull’uso da utente privato e ci abbiamo messo davvero molto per capire che la vera vocazione di questo oggetto è probabilmente legata alle soluzioni 1 e 3, e adesso vi motiviamo la nostra conclusione.

La prima scelta sarà abbracciata da famiglie che non vogliono rinunciare al monitor o che magari ne hanno già uno, senza avere spese alte per il PC scegliendo un’unità nel complesso molto silenziosa e con consumi limitati. Potendo aggiornarne le specifiche c’è la possibilità di personalizzare le specifiche sulla base delle proprie esigenze. In questo modo si ottiene un PC da casa compatto, con pochi cavi e una buona dotazione di porte e risorse hardware, un PC a tutti gli effetti.

Nell’ambito business potrebbe sostituire molto bene  altri mini PC da ufficio esistenti in commercio, e in quest’ambito il prezzo è piuttosto competitivo.

Utile per la compattezza, nell’ambito di uffici dove si fanno solo operazioni con software gestionale e amministrativo rimpiazzerebbero bene molte soluzioni attualmente in commercio.

Abbiamo criticato un pochino in sede di video recensione questo prodotto per il suo prezzo, alto se confrontato con altri mini PC. In media il costo di altri prodotto è inferiore ai 200 euro, mentre qui partiamo da almeno 350 euro per la versione con 2 GB di Ram, la nostra versione, con 4 GB, supera i 400.

Probabilmente i due usi più indicati sono quelli visti sopra, anche perché questo prodotto giustifica il suo prezzo solo se lo pensiamo come un qualcosa di flessibile da abbinare in quei contesti, dove diventa anche competitivo.

Per i dati tecnici puri vi lasciamo alla pagina ufficiale Msi perché non ha senso tediare lettura con pure specifiche su un prodotto che ha un altro “main target”.

Prima di lasciarvi alla recensione vi lasciamo a qualche dato di Bench relativo al Cubi. Come vedrete abbiamo effettuato meno prove del solito perché, ad esempio, quelle relative alla parte grafica non hanno davvero nessun senso su un prodotto del genere anche se le abbiamo  eseguite, in parte, durante la video review.

Ecco i bench per quanto riguarda Aida, e la velocità dell’hard disk.

Ed ecco la nostra video recensione con una prova sul campo.

Share This Post

About Author: Andrea Toffolo

Nato a Pordenone nel 1991, città in cui vivo attualmente. ho sempre avuto la passione per la tecnologia: già a tre anni mi facevo spiegare il funzionamento degli impianti a fune che visitavo nelle vacanze: tutt'ora è un argomento che seguo con piacere. Negli ultimi 5 anni sono entrato nel vortice della tecnologia mobile e sono nell'occhio del ciclone, impossibilitato ad uscirne, sembra. Adoro tendenzialmente tutto ciò che è tecnologia, il confronto e i commenti costruttivi. Sono a vostra disposizione, quindi commentate e chiedete tutto quello che volete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *