iPhone 4: problemi (enormi) e dintorni

Non sono un fanboy Apple. Questo mi pare chiaro. Non so dirvi se mi sta più sulle palle la marca o chi la compra.

Forse mi sta sulle palle la presunta superiorità di chi acquista prodotti con la mela sopra, persone che se potessero si andrebbero a tatuare la mela in fronte come simbolo dell’essere “fichi fichi”. Non sopporto quando il solito fanboy Apple si intromette in una discussione in un forum assolutamente OT (fuori contesto) come spesso accade poichè te stai cercando la soluzione ad un problema particolare occorso su Win/Lin con dell’hardware parzialmente imcompatibile e il mac user ti dice “ma passa a Mac che questi problemi non ce li ha”: capite che girano gli zebedei perchè è esattamente come se in una discussione su come cucinare un tacchino ripieno arrivasse il vegetariano di turno che afferma “mangia finocchi che sono più sani”.
La marca invece è una come tante, punta a far cassa il più possibile, nello specifico del brand sopporto in malo modo il fatto che non sappia stare al passo coi tempi e il fatto che non sappia ascoltare i propri clienti.

Detto questo procedo con l’analisi dei primi problemi di iPhone 4.

Con iPhone 2G, Apple aveva creato qualcosa di assolutamente inguardabile e inutilizzabile. Era un iPod che poteva telefonare, niente più. Una lista di difetti talmente lunga che superava d’ampia misura la lista delle specifiche tecniche.

Con iPhone 3G, Apple aveva immesso sul mercato un telefono già vecchio prima di uscire: faceva meno cose del mio E90 dell’anno prima. Fotocamera pessima, niente video, niente bluetooth. Tutto bloccato. Compresa l’insostituibilità della pessima batteria.

Con iPhone 3Gs, Apple ha rattoppato alla meglio quello che aveva tra le mani ma sempre con una fotocamera pessima e dei video al limite del ridicolo (quando altri telefoni già realizzavano video in 720p). Anche qui la batteria aveva una durata che definire ridicola significava essere ovviamente buoni e comprensivi, oltre che incapaci di effettuare valutazioni oggettive (c’è un sinonimo…fanboy…magari aiuta saperlo).

Con iPhone 4, Apple ha creato qualcosa che sulla carta s’avvicina ad un telefono moderno con fotocamera dignitosa, video discreti ma tutto questo “idillio” presto doveva far sorgere i primi problemi. Tra le genialate degli ingegneri pagati da Apple è venuta a galla quella di creare delle antenne che fossero metalliche ed esposte: ossia toccabili dall’utente.

Eviterò di entrare in tecnicismi inutili, ma già il fatto di avere un’antenna a vista mi ha fatto saltare sulla sedia: la prima domanda che mi posi fu relativa all’esposizione al cosiddetto SAR (Specific Absorption Rate: ossia la potenza delle emissioni di un dispositivo radiomobile percepita dal corpo umano) che secondo un’analisi qualitativa sicuramente non potevano essere paragonabili a quelle di un telefono parzialmente schermato verso l’utente.
La schermatura è impossibile da realizzare perchè l’utente tocca direttamente la sorgente delle onde radio. Sicuramente starà sotto gli 1.6 W/Kg permessi dai limiti più restrittivi della FCC americana (contro i 2 W/Kg europei) ma qualche perplessità permettetemi di averla su quanto sia salutare tale utilizzo delle antenne.

Inoltre sul bordo del telefono le antenne sono più d’una (vedere il fatto che il bordo metallico è suddiviso in più sezioni) e visto che quando s’afferra il telefono con la nuda carne si possono creare corti (ossia collegamenti elettrici non desiderati) tra diversi impianti di trasmissione/ricezione possono occorrere problemi come questo:

Alcuni pongono come rimedio l’uso dello scotch nell’area interessata. Capite bene che dopo aver speso 700 euro per una ciabatta simile uno s’incazza pure se deve usare del nastro adesivo per telefonare.
Ossia per poter usare la funzione primaria di un telefono!
Non contemplando quindi l’uso di iScotch, l’alternativa è usare un bumper di Apple (quella specie di Meliconi di Apple che realizza con colori sgargianti e vende a prezzi folli) oppure di una cover.

Steve Jobs ha risposto che la soluzione per tale problema è impugnare diversamente il telefono (!!!): l’arroganza di quest’uomo rasenta la follia visto che negli spot proprio di Apple vengono usate delle posizioni che ricalcano quella che rende inutilizzabile il telefono!
{webgallery}iphone_posizioni{/webgallery} Incredibile. Non credo serva commentare in altro modo, si potrebbe rasentare la maleducazione.

Infine il Retina Display, tanto osannato come il meglio (erroneamente, ovvio, come visibile qui), presenta delle macchia giallastre che Apple afferma essere dovute a del collante non correttamente asciugato.
Ricordo sempre il fatto che il telefono in questione costa 700 euro.

Vogliamo poi parlare dei problemi che affliggono l’app relativa alla fotocamera che genera un blocco del telefono?

Non vorrei includere tra i difetti, poichè è isolato, ma anche un errato montaggio dei tasti volume aiuta. O no?!
Sotto un curioso video che dovrebbe presentare tale difetto, ma che in realtà non capisco proprio: premendo il tasto inferiore il volume decresce, mentre con il tasto superiore aumenta (correttamente dunque). Sono forse rinco io??

Quindi ciò significa solo l’inversione del tasto “+” al posto del tasto “-” e viceversa, non un’errata configurazione dell’interazione tra hardware e software (che si avrebbe qualora premendo il tasto inferiore avvenisse un aumento di volume, per capirci).

Per il momento le rogne terminano qui. Son sicuro che qualcosa d’altro verrà fuori, non so perchè ma me lo sento.

Share This Post

About Author: Archivio Storico

Questo profilo autore è stato creato per riassumere tutti i link, articoli, focus, demo ed approfondimenti pubblicati da Giuseppe Ragozzino e Luca Viscardi nella prima versione del sito web. Tale sito nacque con l'inizio di marzo 2010 e nel tempo ha totalizzato diversi milioni di visite fino ad arrivare alla soglia di 2.300.000 quando si è deciso che era ormai troppo piccolo per ospitare le numerosissime categorie usate. Ci andava stretto, davvero troppo, e così si è scelto di migrare da Joomla a Wordpress per rendere il tutto fruibile ad un pubblico ancora maggiore e sempre più curioso: per fare questo ci stiamo avvalendo di un gruppo formato da uno staff tutto nuovo, elementi freschi e preparati che daranno una mano ai fondatori nel tenervi aggiornati. Tutti gli articoli scritti quindi da Archivio Storico sono in fase di lenta revisione, sia perchè alcuni link tra articoli di questo sito sono da rifare, sia perchè vanno aggiornate gallerie fotografiche, recensioni e tipo di formattazione: se trovate qualcosa da segnalare, di errato e/o non funzionante, per favore fatecelo sapere contattando webmaster@formobiles.info con qualche info in merito. Grazie a tutti del supporto, seguiteci come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *