• Acronis True Image 2016

Acronis True Image 2016, cloud backup e non solo: recensione

Versione PC (Windows 10)

I vantaggi di usare un client come questo (noi lo abbiamo testato su Windows 10) si spalmano su più direzioni. Oltre a poter gestire interamente il backup e sfruttare applicativi aggiuntivi non dobbiamo ad ogni backup, come per esempio avviene sul client Windows per i backup, salvare di nuovo tutto con la perdita di tempo che ne deriva.

Il nostro cloud backup aggiornerà con la frequenza che noi indichiamo tutti i dati che sono stati modificati senza per forza costringerci ad attendere ore, se non giorni per avere un backup aggiornato.

Il software è davvero leggero e sia l’installazione che la normale esecuzione del programma sono istantanee senza che potessimo riscontrare bug o problemi di sorta.

L’interfaccia è molto semplice e curata ma al tempo stessa completa anche di funzioni di personalizzazione più avanzata per gli utenti più esperti. Possibile lasciare pc acceso fino al termine del backup impostando autospegnimento, gestire notifiche (e.g. via email un avviso vi dice se tutto si completa positivamente o incorrono specifici errori) ed attività in background e anche le priorità di occupazione della banda: quest’ultima essenziale soprattutto in Italia dal momento che l’upload nelle connessioni è ancora davvero molto basso.

Uno dei limiti più evidenti, probabilmente l’unico, è la dipendenza totale dalla connessione Internet che come detto sopra, limita molto (per molti in Italia, soprattutto nelle aree rurali e/o in digital divide) la velocità di interazione con sistemi di questo tipo.


Le funzionalità aggiuntive principali sono varie ma tra le più utili rileviamo la possibilità di effettuare una clonazione del disco che ci permette di rendere un disco effettivamente uguale a quell’altro in tutto e per tutto: molto utile se per esempio aggiorniamo l’hardware del nostro pc e vogliamo evitare di utilizzare macchinosi trasferimenti o re installazione.

Inoltre abbiamo applicativi vari come ad esempio quelli per liberare spazio su disco, eseguire l’eliminazione di partizioni, e gestire l’avvio del sistema.

Di rilievo la funzione di “parallels access” che ci consente di accedere al pc remoto tramite i nosri dispositivi mobili.

Video recensione in arrivo a brevissimo, stiamo cercando l’occasione di avere il trio iOS/Android con gli ultimi modelli.

Share This Post

About Author: Andrea Toffolo

Nato a Pordenone nel 1991, città in cui vivo attualmente. ho sempre avuto la passione per la tecnologia: già a tre anni mi facevo spiegare il funzionamento degli impianti a fune che visitavo nelle vacanze: tutt'ora è un argomento che seguo con piacere. Negli ultimi 5 anni sono entrato nel vortice della tecnologia mobile e sono nell'occhio del ciclone, impossibilitato ad uscirne, sembra. Adoro tendenzialmente tutto ciò che è tecnologia, il confronto e i commenti costruttivi. Sono a vostra disposizione, quindi commentate e chiedete tutto quello che volete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *